Cancello automatico: tutto quello che c’è da sapere e perché conviene

È arrivata l’ora di sostituire il vecchio cancello della tua abitazione e stai pensando di farlo con un cancello automatico? Con ogni probabilità è la scelta migliore in termini sia di praticità e sia di scurezza e qui di seguito proveremo a capire perché, non prima di aver accennato a come si sceglie il miglior cancello elettrico a seconda delle proprie esigenze, cosa serve per l’installazione, come garantirsene una lunga vita.

C’è un falso mito da sfatare innanzitutto: i cancelli elettrici automatici sono una soluzione versatile e che, a patto di scegliere bene, si adattano a (quasi) ogni situazione; rivolgersi a una buona ditta dovrebbe garantire, cioè, la possibilità di far realizzare e installare un cancello automatico anche quando lo spazio a disposizione sia limitato o ci siano vincoli da rispettare quando a foggia e finitura dello stesso; dei veri professionisti riescono a intervenire, anzi, anche su strutture già esistenti e a elettrificare vecchi cancelli manuali. Fatta salva la grande varietà di materiali in cui possono essere realizzati ormai i cancelli elettrici e tra cui conviene scegliere tenendo conto dello stile in cui si è arredata la propria casa, insomma, l’unica decisione cruciale da prendere è se optare per un cancello automatico scorrevole o per un cancello automatico battente e, in quest’ultimo caso, a quante ante. Il primo è la soluzione più indicata quando non si abbiano a disposizione ampi spazi ma si possa comunque far installare un binario per lo scorrimento laterale del cancello. Nel secondo, invece, l’anta (se una) o le ante (se due) si aprono verso l’interno o verso l’esterno: può volerci un po’ più di tempo per l’apertura completa, anche se cioè dipende per lo più dalla potenza del motore, e soprattutto è necessario avere spazio davanti o dietro al cancello che garantisca la sicurezza della manovra ed è proprio questo che non rende la soluzione particolarmente adatta a cancelli che danno su strade trafficate, per esempio.

Perché conviene scegliere un cancello automatico: dall’installazione alla manutenzione

Quanto all’installazione di un cancello automatico, soprattutto se si tratta di un cancello automatico a battente, è semplice e non richiede particolari accorgimenti: oltre alla struttura del cancello basta procurarsi, nei negozi o sui siti che si occupano di vendita materiale elettrico, un kit di automazione per cancelli che comprenda motore, centralina, fotocellule, antenna, telecomandi e chiavi d’emergenza. Altrettanto semplice è la manutenzione ordinaria che assicura la perfetta funzionalità, anche nel tempo, del cancello automatico: basta far controllare periodicamente, infatti, che soprattutto centralina e motore siano funzionanti e, naturalmente, accertarsi che i telecomandi siano carichi.

A queste condizioni, come si accennava all’inizio, il cancello automatico è la soluzione più pratica e più sicura per sé e per la propria abitazione: si può azionare, infatti, anche a distanza (alcuni modelli più moderni possono essere sincronizzati persino con lo smartphone) e senza dover scendere dalla macchina quando è già buio o mentre piove riuscendo; evita intrusioni e che persone indesiderate possano introdursi nella proprietà, anche in virtù del fatto che è più difficile perdere un telecomando che delle chiavi, ed è sicuro anche contro incidenti e chiusure involontarie grazie alle apposite fotocellule che individuano gli ostacoli anche al buio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.