La Germania a un passo dalla legalizzazione della cannabis

Di fronte a normative nazionali che proseguono sulla strada della legalizzazione della cannabis, una dinamica che sta interessando un numero crescente di Paesi anno dopo anno, l’Italia sembra ancora lontana dal raggiungere questo traguardo.

Attualmente nel nostro Paese l’unica varietà di questa pianta che è possibile acquistare liberamente rimane ancora solo quella light, a basso contenuto di THC e, per questo, priva di effetti stupefacenti. Sono tante le aziende nostrane che si sono dedicate al commercio in questo settore, alcune delle quali sono riuscote perfino a ritagliarsi un posto di primo piano al livello europeo. Justbob, ad esempio, è un rivenditore legale di prodotti al CBD che si è espanso oltre i confini nazionali, estendendo la propria attività ad altri Paesi UE e non solo.

Tuttavia, ciò non toglie che il nostro Paese sembra essere ancora indietro rispetto a tanti altri che, perfino di recente, hanno abbracciato totalmente la strada della legalizzazione della cannabis in ogni sua variante. È il caso, ad esempio, della Germania che si trova a pochissimi passi da questo traguardo.

Ecco cosa sta succedendo.

Il caso della Germania: dall’uso terapeutico alla legalizzazione

Fino a tempi recenti, la cannabis in Germania è stata legale soltanto per scopi medici, limitata a casi specifici e regolamentati​. Questa restrizione riflette una posizione cauta del paese nei confronti della pianta, considerata a lungo un narcotico potenzialmente pericoloso e soggetto a severi controlli.

Tuttavia, un cambiamento significativo si è verificato quando il governo tedesco ha approvato linee guida per depenalizzare l’uso ricreativo della cannabis. Secondo queste direttive, è previsto che gli adulti possano possedere fino a 20 grammi di sostanza per uso personale, segnando un notevole passo avanti verso una più ampia liberalizzazione delle droghe leggere nel paese​.

Questo sviluppo si inserisce in un contesto globale in cui numerosi Paesi stanno riconsiderando le proprie politiche sulla cannabis, spinti da considerazioni che vanno dalla salute pubblica al controllo del crimine legato alla droga e conviti a fare il passo decisivo da prese di posizione di organismi internazionali di rilievo, vedasi al proposito la dichiarazione dell’OMS sulla cannabis stessa.

La decisione del governo tedesco non è stata priva di controversie e ha sollevato interrogativi significativi. Tra i sostenitori, vi è la convinzione che la legalizzazione possa ridurre la criminalità legata alla cannabis, fornire nuove opportunità di regolamentazione e generare entrate fiscali​. Al contrario, i detrattori esprimono preoccupazioni riguardo gli effetti sulla salute pubblica, in particolare tra i giovani, e possibili complicazioni per le forze dell’ordine​.

I particolari della proposta tedesca

La proposta di legalizzazione comprende non solo la depenalizzazione dell’uso, ma anche la regolamentazione della coltivazione e della vendita. Quest’ultima, in particolare, sarebbe permessa in negozi specializzati e farmacie, con limiti specifici di THC, soprattutto per i consumatori più giovani​

I cittadini potranno coltivare fino a due piante, purché la cannabis prodotta per il consumo personale non superi il 15% di THC. Questo tetto è stato stabilito per mitigare i rischi potenziali per la salute, specialmente tra i giovani consumatori​.

Per quanto riguarda la vendita, la proposta tedesca prevede che essa sia permessa sia in negozi specializzati sia nelle farmacie, ma con alcune restrizioni specifiche. I prodotti di cannabis destinati ai giovani tra i 18 e i 21 anni avranno un limite massimo di THC del 10%. Questo è un tentativo di bilanciare l’accessibilità con la necessità di proteggere i gruppi più vulnerabili della società. Inoltre, la vendita di cannabis sarà vietata nelle vicinanze delle scuole, per limitare ulteriormente l’esposizione dei giovani alla sostanza​

Implicazioni e prospettive nell’oggi e nel domani

Mentre il processo di legalizzazione della cannabis in Germania prosegue, è fondamentale considerare sia le implicazioni attuali sia le prospettive future. La decisione del governo tedesco di procedere verso la legalizzazione rappresenta un importante passo avanti nel contesto europeo e globale, segnando un cambiamento significativo nella politica sulle droghe leggere del Paese.

La depenalizzazione dell’uso ricreativo e la regolamentazione della vendita e coltivazione della cannabis​​​riflettono un tentativo di bilanciare la necessità di controllo legale con la crescente richiesta sociale e culturale di accesso alla sostanza.

Nel breve termine, è prevedibile che questa decisione avrà un impatto diretto sulla società tedesca in termini di salute pubblica, sicurezza e economia. La legalizzazione potrebbe ridurre il mercato nero e i reati associati, aumentando le entrate fiscali e offrendo nuove opportunità di business legali. D’altra parte, persistono preoccupazioni legate alla salute pubblica, in particolare per quanto riguarda il consumo tra i giovani e i potenziali effetti a lungo termine sulla salute mentale e fisica​.

Nel lungo periodo la Germania potrebbe diventare un modello per altri Paesi dell’Unione Europea che stanno considerando politiche simili. Il successo o le sfide incontrate dal governo tedesco nella regolamentazione della cannabis forniranno dati preziosi e lezioni apprese che potrebbero influenzare le politiche a livello europeo e globale.

In conclusione

La decisione del governo tedesco di procedere verso questa legalizzazione, bilanciando cautela e progresso, riflette una tendenza crescente verso la riconsiderazione delle politiche sulla cannabis in molti Paesi​​​.

Questo processo, che include la depenalizzazione dell’uso ricreativo e la regolamentazione della vendita e coltivazione, presenta sia opportunità che sfide. Da un lato, offre la possibilità di ridurre il crimine legato alla cannabis, generare entrate fiscali e fornire un controllo più sicuro e regolamentato della sostanza. Dall’altro, solleva preoccupazioni legittime relative alla salute pubblica e alla sicurezza.

Il contesto tedesco diventerà un caso studio importante, il cui esito potrebbe influenzare le politiche future in altre nazioni. I passi avanti compiuti in Germania potrebbero ispirare cambiamenti analoghi in altri Paesi dell’UE e nel mondo, o, alternativamente, servire da monito per le potenziali insidie incontrate nella regolamentazione della cannabis.